keeping-your-hacking-identity-secret.1280x600

Pornografia, come rovina le tue Performance a Letto

La pornografia, uno dei temi più sottovalutati della nostra era.

Esiste davvero un problema legato alla dipendenza da materiale pornografico? Già nel 2011 il Japan Times riportava che “più di un terzo degli uomini fra i 16 e i 19 anni non hanno interesse a fare sesso, una statistica che è raddoppiata rispetto al 2008, e più del 40% degli uomini sposati non hanno fatto sesso nell’ ultimo mese”.

Una ricerca più recente dell’ Esquire ha mostrato come il 43% degli uomini riporta spesso una consistente difficoltà nel mantenere l’erezione, mentre il 24% dice di avere la stessa difficoltà “più spesso di quanto è disposto ad ammettere”. Dati preoccupanti e che convergono su due punti oramai dati per assodati: la pornografia su internet, di facile e veloce accesso, è un fenomeno relativamente nuovo che ha provocato un cambiamento nell’ immaginario sessuale. Il secondo punto è che gli uomini difficilmente parlano dei loro problemi (e della loro dipendenza da porno) con altre persone.

Secondo gli studi scientifici, la pornografia è uno stimolo “sopranormale”, cioè attiva il normale meccanismo di ricompensa nel nostro cervello e lo fa a un livello così alto che noi lo percepiamo come piacevole anche più dei comuni stimoli sessuali. Il problema può sorgere col tempo, quando i nostri cervelli perdono contatto con la realtà e sviluppano la necessità di avere stimoli sempre più nuovi per raggiungere lo stesso livello di eccitazione. Di Mattia F. Pappalardo